socio wwf

Google

Web difossombrone.it

Fiaba: Il lupo e il cane

il lupo e il cane

Un Lupo giÓ ridotto al lumicino
grazie ai cani che stavan sempre all'erta,
andando un dý per una via deserta
incontrava un magnifico mastino,
tanto grasso, tondo e bello,
che pens˛ di dargli morte
provocandolo in duello.
Ma vedendolo un po' forte,
pens˛ invece con ragione
di pigliarlo colle buone.
Comincia in prima a rallegrarsi tanto
di vedere il buon pro' che gli fa il pane.
- E chi vi toglie, - rispondeva il Cane, -
di fare, se vi accomoda, altrettanto?
Quella vita che voi fate
dentro ai boschi Ŕ vita infame
sempre in guerra e sempre in scrupolo
di dover morir di fame:
vita stracciata e senza conclusione
che non pu˛ mai contar sopra il boccone.
Venite dietro a me, mio buon compare,
che imparerete l'arte di star bene.
Vi prometto pochissimo da fare;
star di guardia, guardar chi va, chi viene,
abbaiare ai pitocchi ed alla luna
e sbasoffiare poi certi bocconi
di carne e d'ossa, d'anitre e capponi,
senza contar la broda
in pagamento del menar la coda
-.
Udendo questo, della sua fortuna
il Lupo si rallegra fino al pianto.
Ma camminando dell'amico accanto
gli venne visto spelacchiato e frollo
del buon mastino il collo.
- Che roba Ŕ questa? - ╚ nulla. - ╚ nulla un corno!
- Suvvia non darti pena,
forse il segno sarÓ della catena
alla quale mi legano di giorno.
- Ti legano? - esclam˛ cangiando tono. -
NÚ correre tu puoi dove ti piace?
- Che importa? - Importa a me, colla tua pace;
fossero d'oro, i piatti tuoi ti dono,
non Ŕ una vita, no, che m'innamora
-.
E presa la rincorsa, corre ancora.

Jean de La Fontaine

il lupo e il cane

 

 

Torna alla storia e all'origine del cane

Torna su

Copyright © lupi.difossombrone.it tutti i diritti sono riservati